Rottura del tendine di Achille

Il tendine d’Achille è il tendine più spesso e più forte del corpo umano. È soggetto a carichi particolarmente pesanti durante la corsa e il salto.

Il tendine d’Achille connette i due grandi muscoli del polpaccio ( muscolo Gastrocnemio e muscolo Soleo ) al tallone. Le rotture nel tendine d’Achille sono più frequenti in età compresa tra 30 e 40 anni, con uomini che hanno una probabilità 10 volte maggiore di lesione rispetto alle donne. L’infortunio è comune negli sport che comportano molti salti e rapidi cambi di direzione. Ad esempio, tennis, squash, badminton e calcio.

L’infortunio è comune anche per i corridori e i saltatori in atletica. Ad esempio, può accadere dopo un improvviso movimento esplosivo di un piede che poggia sul peso corporeo mentre il ginocchio è esteso. È possibile una parziale rottura del tendine d’Achille, ma una rottura totale è molto più comune.

Segni e sintomi

Le persone che hanno subito la rottura del tendine d’Achille spesso riferiscono di aver sentito un suono schioccante o scoppiettante e si sono sentite colpite da un oggetto sulla parte posteriore della gamba. Seguono il dolore e il gonfiore e non si è in grado di camminare in punta di piedi.

Diagnosi

È molto importante diagnosticare in tempo la lesione in modo che l’intervento chirurgico possa essere eseguito al più presto se ritenuto necessario. Un medico o un fisioterapista effettueranno la diagnosi sulla base di un esame clinico. Una risonanza magnetica viene spesso utilizzata per confermare la diagnosi.

Trattamento

La chirurgia è l’opzione di trattamento più comune per gli atleti. Dopo l’intervento chirurgico, il passo successivo della riabilitazione consiste nell’utilizzare un tutore (ortesi) come uno stivale da passeggio e intensificare gradualmente l’allenamento consultando un fisioterapista. Per le persone meno attive, il trattamento conservativo (non chirurgico) con fisioterapia è il trattamento più comune.

Prognosi

L’atleta sarà in genere in grado di tornare completamente alle attività sportive dopo 4-6 mesi. Dopo l’intervento chirurgico, il rischio di una nuova lesione è di circa il 3-4% nei primi 6 mesi. Con un trattamento conservativo, questo rischio aumenta al 6-10%. L’aumento graduale e sistematico dell’allenamento ridurrà il rischio di lesioni.