Lesioni meniscali

Le lesioni meniscali sono tra i traumi al ginocchio più comuni e presentano diversi gradi di gravità. 

Esistono due menischi in entrambe le ginocchia. Si trovano su ciascun lato dell’articolazione del ginocchio e funzionano come ammortizzatori e stabilizzatori. Il menisco all’interno è chiamato menisco mediale e quello nella parte esterna è chiamato menisco laterale . 

È più comune ferire il menisco mediale poiché legato a diverse strutture, il che rendendolo meno mobile e più soggetto a lesioni rispetto al controlaterale.  

Lesioni da torsione 

Le lesioni meniscali si presentano in forme diverse che richiedono approcci terapeutici diversi. Le lesioni acute si verificano durante la rotazione del ginocchio e sono più comuni nei giovani atleti.  

Questo tipo di trauma richiede spesso un intervento chirurgico, che consiste nel rimuovere o riparare parte del tessuto. Quest’ultimo impiega molto tempo per guarire. I cambiamenti legati all’età sono prevalentemente trattati con un programma di riabilitazione strutturato e la maggior parte guarisce senza chirurgia. 

Le lesioni meniscali possono aumentare il rischio di artrosi. L’entità del rischio dipende dalla gravità e dalla posizione della lesione. 

Meccanismo di lesione, segni e sintomi 

La maggior parte delle lesioni acute sono lesioni da torsione con il piede saldamente posizionato a terra. Il grado di dolore varia. Alcuni pensano che qualcosa si sia strappato. Le lesioni più piccole non causano necessariamente sintomi immediati, ma normalmente si avvertono dolore e gonfiore entro 24 ore dall’infortunio. Con gli atleti più anziani, può verificarsi una piccola lesione anche con un trauma minimo.   

Poco dopo l’infortunio c’è dolore e ridotta capacità di flettere ed estendere il ginocchio. È anche comune che possa bloccarsi il ginocchio. Questa è anche una caratteristica comune della lesione del legamento crociato anteriore (LCA). 

Trattamento  

Il trattamento dipende dalla gravità della lesione. Se vi è una piccola lesione, può essere trattato in modo conservativo (senza chirurgia). 

Se invece le lesioni sono gravi e dolorose, in cui il ginocchio è bloccato in determinate posizioni questi richiedono un intervento chirurgico  immediato con la cosiddetta chirurgia artroscopica. Il chirurgo non aprirà il ginocchio, ma con l’utilizzo di tecniche all’avanguardia effettuerà delle piccole incisioni ai lati del ginocchio. La decisione di sottoporsi a un intervento chirurgico dovrebbe basarsi sulla gravità di segni e sintomi, nonché sulla necessità per l’attività futura. 

Riabilitazione dopo l’intervento chirurgico 

La riabilitazione è influenzata dalla gravità della lesione. Se un piccolo pezzo di menisco è stato rimosso, l’atleta sarà in grado di tornare allo sport spesso entro 4 settimane. Lesioni più gravi con lesioni aggiuntive alla cartilagine e ai legamenti prolungheranno il periodo di riabilitazione. Se l’atleta torna allo sport troppo presto, può avere conseguenze disastrose. Il gonfiore ricorrente e il dolore persistente sono spesso il risultato di quest’ultima scelta. 

La riabilitazione deve essere eseguita in collaborazione con un fisioterapista esperto. Il menisco sarà gradualmente in grado di sopportare  carichi importanti. Questo dovrebbe essere incluso nel programma di riabilitazione aumentando gradualmente i carichi se il ginocchio può tollerarlo. 

Trattamento delle lesioni legate all’età 

Non molto tempo fa, tutte le lesioni sono state trattate allo stesso modo  con un intervento chirurgico. Ricerche recenti, tuttavia, hanno dimostrato che le lesioni degenerative del menisco devono essere trattate con un allenamento strutturato. Gli esercizi mirano a rafforzare i muscoli intorno all’anca e al ginocchio, per aumentare il controllo e l’equilibrio del corpo. Potrebbero essere necessari diversi mesi prima che il dolore al ginocchio scompaia, ma i risultati sono buoni come un intervento chirurgico.