Lesioni del legamento crociato anteriore

LESIONI DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE 

Le lesioni del legamento crociato anteriore (LCA) sono imprevedibili. La maggior parte di loro si verifica in situazioni innocue magari situazioni in cui l’atleta è stato interessato molte volte prima senza che ciò causasse lesioni. 

Ciò che molte persone non sanno è che abbiamo due legamenti crociati: uno anteriore e uno posteriore. Entrambi sono essenziali per stabilizzare il ginocchio. Il legamento crociato anteriore, sfortunatamente è quello di cui sentiamo di più parlare quando si parla di lesioni. Questo tipo di infortunio porta a un lungo periodo lontano dallo sport (spesso fino a 12 mesi). Pertanto, è importante che la prevenzione per questo tipo di infortunio sia una priorità e, in tal caso, si segua il giusto trattamento riabilitativo. 

La cintura di sicurezza del ginocchio 

L’LCA è un legamento che si trova al centro del ginocchio che funge da cintura di sicurezza per impedire scivolamento in avanti della tibia sul femore. Uno strappo nell’LCA è molto più comune rispetto al legamento crociato posteriore (LCP) e le lesioni al primo di solito hanno un impatto maggiore sulla funzione del ginocchio. 

Gli infortuni con LCA sono particolarmente comuni negli sport che comportano improvvisi cambi di direzione come calcio, pallacanestro, pallamano e sci. Le atlete hanno un rischio fino a 3 volte più elevato di lesioni LCA rispetto agli uomini e spesso si lesionano in giovane età. 

LCA

Il legamento crociato anteriore è spesso abbreviato in LCA

Caratteristiche di un legamento crociato strappato 

Una caratteristica tipica di una lesione del legamento crociato è il gonfiore, che si verifica subito dopo un movimento di torsione e una sensazione di cedimento. Può anche essere difficile raddrizzare la gamba o piegare il ginocchio da 80 a 90 gradi. 

Lesioni aggiuntive 

Spesso anche altre strutture come il menisco, la cartilagine, l’osso e i legamenti collaterali potrebbero essere interessate a seguito di una lesione del legamento crociato. Queste lesioni aggiuntive possono spesso spiegare molti dei sintomi che seguono un legamento crociato strappato e possono influenzare le opzioni di trattamento e la prognosi a lungo termine. Pertanto, è importante sottoporsi a un esame RMI e ottenere il parere di uno specialista. 

Trattamento 

La chirurgia a seguito di una lesione LCA non è scontata. Al contrario, circa il 50% delle lesioni LCA oggi sono trattate in modo conservativo (riabilitazione senza chirurgia).  Molti di questi, mostrano buoni risultati. 

Un chirurgo ortopedico valuterà se è necessario un intervento chirurgico al ginocchio a seguito di una lesione.  La decisione si basa sui sintomi e sui requisiti dell’atleta per l’utilizzo del ginocchio in futuro. Ciò significa che la chirurgia è più comune per un calciatore d’élite o un atleta coinvolto nello sci alpino che per uno che gareggia nello sci di fondo, in bicicletta o nella corsa. 

Si raccomanda agli atleti che non hanno riportato ulteriori lesioni gravi di provare un allenamento intensivo in collaborazione con un fisioterapista per un massimo di 3 mesi prima di prendere in considerazione l’intervento chirurgico. Ciò renderà più semplice ed efficace la fase di riabilitazione. 

Chirurgia 

L’intervento prevede la sostituzione del legamento leso con innesto di tessuto prelevato dai muscoli della coscia anteriore o posteriore.  L’intervento viene eseguito in artroscopia utilizzando piccole incisioni, il che significa che non è necessario che il chirurgo apra completamente il ginocchio. 

La riabilitazione con un fisioterapista è dura a seguito di una lesione LCA indipendentemente dal fatto che vi sia un intervento chirurgico o meno. È quindi importante un attento monitoraggio del programma di recupero per gestire tutti gli aspetti della riabilitazione e si raccomanda un periodo di rientro  di almeno 6-12 mesi. 

La riabilitazione si concentra sul recupero di forza, mobilità, equilibrio e controllo. Gli esercizi vengono progressivamente resi più difficili e man mano che la funzione migliora, più orientata verso un ritorno funzionale allo sport dell’atleta. 

Ritorna allo sport 

Anche se ci sono esempi di atleti d’élite che tornano allo sport agonistico in meno di 6 mesi, un programma di allenamento riabilitativo così aggressivo non è raccomandato. Il rischio di un’altra lesione al ginocchio aumenta dopo una lesione del legamento crociato, ma può essere ridotto impiegando il tempo necessario per una corretta riabilitazione. 

PRENDI SUL SERIO LA RIABILITAZIONE

Per ogni mese in più di riabilitazione post-operatoria, il rischio di re-infortunio è ridotto del 50%

L’atleta deve superare una serie di test specifici per lo sport per verificare se il ginocchio è pronto per tornare allo sport. Ma questo in sé non è abbastanza;  l’atleta dovrebbe anche sentirsi pronto. È importante che l’atleta non sia eccessivamente preoccupato per un nuovo infortunio e che possa fidarsi del proprio ginocchio. 

Valutazione complessiva 

La decisione di tornare allo sport dovrebbe essere presa in consultazione con il medico, il fisioterapista, l’allenatore e l’atleta. Spesso è l’allenatore che conosce meglio l’atleta e vede come si muove e si comporta sul terreno.  

Gli atleti con lesioni ai legamenti crociati hanno un rischio maggiore di subire una nuova lesione al legamento crociato, sia al ginocchio operato che al suo controlaterale. La prevenzione è quindi particolarmente importante per questo problema.