Gomito del tennista

Nuove tecniche per colpire la palla hanno reso i “gomiti del tennista” meno comuni tra i tennisti. Tuttavia, al giorno d’oggi molti dei sintomi si possono verificare con il nome , gomito del mouse, gomito del computer o sindrome del tunnel carpale. 

Come suggerisce il nome, il gomito del tennista è stato un problema molto comune tra i tennisti. Ma il gioco del tennis è cambiato da quando è stato coniato il termine “gomito del tennista”, poiché molti giocatori hanno modificato la loro tecnica di colpire. Anche se questa lesione è ancora diffusa tra i tennisti, è molto meno frequente di prima.  

Solitamente causato da sovraccarico

Il termine “gomito del tennista” si riferisce a una lesione all’esterno del gomito. Ciò include tendini, muscoli. La condizione si verifica in genere a causa di un sovraccarico gesto ripetitivo nel tempo ed è quindi considerata una lesione da overuse. 

Meno infortuni 

Il tasso di infortuni è diminuito drasticamente da quando un numero sempre maggiore di tennisti ha iniziato a usare due mani anziché una.  Il motivo è che c’è meno carico sul gomito con un rovescio a due mani che con uno con una sola mano. 

Molte delle caratteristiche del gomito del tennista sono le stesse utilizzate per definire il “braccio del mouse”, ovvero i dolori che seguono a causa di un uso eccessivo mentre si è seduti davanti a un computer.

Fattori di rischio 

I cambiamenti nella tecnica o il carico di allenamento, il carico totale nella vita quotidiana e le attrezzature mal regolate sono considerati fattori di rischio che possono contribuire allo sviluppo di un gomito del tennista negli atleti. 

Segni e sintomi 

Il dolore si trova all’esterno del gomito. Poiché la muscolatura del gomito si articola fino al polso, le attività che comportano la flessione dello stesso possono spesso causare dolore che può manifestarsi gradualmente o bruscamente. Anche se l’insorgenza del dolore può sembrare acuta, la lesione è spesso il risultato di un processo latente. 

Il dolore può anche insorgere quando l’allenamento è aumentato significativamente in un breve lasso di tempo. Tuttavia, bisogna tener presente che il livello di dolore varia da persona a persona. 

Dolore al tendine 

Il gomito del tennista è anche noto come epicondilitE, che significa letteralmente “dolore al tendine all’esterno del gomito”. 

Dolore al tendine 

Il gomito del tennista è anche noto come epicondilite.

Diagnosi 

La diagnosi viene fatta da un medico a seguito di un esame clinico. 

Non è raro utilizzare tecniche di imaging nella diagnosi, ma le immagini devono essere interpretate con cautela. È possibile provare dolore e che non vi siano danni visibili su radiografie, ultrasuoni o risonanza magnetica. È anche possibile il contrario: le immagini possono mostrare qualcosa di “anomalo” anche quando non c’è dolore. 

Trattamento 

L’aspetto più importante del trattamento è la gestione dell’attività. Ciò significa che per un breve periodo l’atleta dovrebbe limitare o evitare completamente le attività che aggravano i sintomi. L’idoneità fisica dovrebbe essere mantenuta mediante forme alternative di esercizio, come il ciclismo e la corsa. 

La tecnica dovrebbe essere esaminata per vedere se il carico può essere ridotto eseguendo diversi movimenti. Una parte importante della riabilitazione è il passaggio graduale da attività generali a attività più specifiche per lo sport. 

I trattamenti passivi, come il massaggio o l’applicazione del ghiaccio, possono aiutare a ridurre il dolore, ma dovrebbero essere usati solo come aggiunta ad altri trattamenti. 

L’atleta dovrebbe evitare di allungare i muscoli interessati, poiché ciò può aggravare ulteriormente i tendini. 

Il caricamento è essenziale 

Se il gomito non viene utilizzato affatto, il tendine si indebolirà. Il caricamento dell’area interessata con la giusta quantità è essenziale per il recupero. 

Prognosi 

Se effettuato in tempo, l’atleta può recuperare più rapidamente e, nel tempo, tornare al loro precedente livello di attività.