Frattura da stress tibia e perone

Una frattura da stress è un tipo di lesione da uso eccessivo. Gli atleti che praticano sport come corsa o salto sono inclini a questa lesione. Se non viene rilevato in anticipo, può portare a una frattura completa dell’osso.

Il termine frattura da stress può essere un po ‘confusa, in quanto non è la stessa di una frattura «normale» in cui l’osso si rompe in due. Il termine è usato per descrivere un punto debole o un’area nella struttura ossea che si verifica quando il tessuto osseo si deteriora più velocemente di quanto si possa riparare da solo.

Per dare un’idea di come si sviluppa una tale lesione, basti pensare a una matita o un bastoncino di legno piegato a tal punto che potrebbe presto cedere, ma non è ancora spezzato. È sostanzialmente lo stesso con una frattura da stress. L’osso non è ancora rotto ma è a rischio che ciò possa accadere.

LA PARTE INFERIORE DELLA GAMBA..

è composto da due ossa, la tibia e il perone. La tibia è la più grande delle due mentre il perone è più piccola. Il 50% delle fratture da stress nel corpo si verificano in una di queste ossa, con una percentuale più elevata nella tibia poiché sopporta il 90% del peso posizionato sulla gamba

Fattori di rischio

La causa più comune di una frattura da stress è un cambiamento nelle abitudini di allenamento. Ad esempio, tramite:

  • Drastico aumento della quantità di allenamento in un breve periodo di tempo;
  • Ricominciare ad allenarsi a seguito di un infortunio o una malattia;
  • Cambio delle superfici di allenamento (ad es. Dall’erba all’asfalto).

Esistono diversi fattori che, in combinazione con il carico, aumentano il rischio di una frattura da stress. Le donne sono più soggette alle fratture da stress rispetto agli uomini poiché hanno meno massa ossea e la densità ossea diminuisce con l’età. La bassa forza muscolare e la resistenza muscolare comportano impatti più elevati nelle articolazioni e un carico maggiore posto sullo scheletro. Bassi livelli di calcio e vitamina D influenzano la densità della massa ossea e possono quindi aumentare il rischio di fratture da stress.

Segni e sintomi

Il sintomo principale è il dolore alle gambe che peggiora durante l’allenamento. In una fase iniziale, il dolore diminuirà con il riposo, ma dopo un po ‘può continuare durante le attività quotidiane. A volte, ma non sempre, il dolore può essere localizzato in un punto specifico.

Diagnosi

È importante ottenere una diagnosi precoce per evitare un’ulteriore rottura del tessuto osseo. A volte la rottura può essere così grande che alla fine si frattura completamente.

Il medico o un fisioterapista effettueranno la diagnosi. Nelle prime fasi, non è comune vedere segni di una frattura da stress usando normali immagini a raggi X.

Trattamento

Il trattamento di una frattura da stress dipende da dove si trova. A volte si trova in una cosiddetta zona ad alto rischio, nel qual caso sarà necessario togliere tutto il peso dalla gamba usando le stampelle per diverse settimane. Potrebbe anche essere necessario un intervento chirurgico. 

È consentito un allenamento che non prevede alcun carico. Durante il periodo senza carico, è importante identificare i possibili fattori che contribuiscono, come la tecnica di corsa, le calzature, il programma di allenamento e l’alimentazione, nonché fare un piano su come aumentare gradualmente di nuovo l’allenamento. Per alcuni atleti può essere utile sottoporsi a un esame del sangue per misurare i livelli nutrizionali. L’assunzione di integratori alimentari ha dimostrato di essere una misura efficace per ottimizzare la salute delle ossa. Uno stile di corsa più regolare con passi più brevi, un ritmo più lento e sessioni più brevi possono aiutare a ridurre i sintomi.

Prognosi

Se diagnosticata in anticipo e applicati gli appropriati limiti di carico, la maggior parte delle fratture da stress nella parte inferiore della gamba guarirà e l’atleta sarà in grado di tornare al precedente livello di attività.