Blog

Meniscectomia

Lo sapevi che le meniscectomie laterali hanno tempi di recupero più lunghi e più eventi avversi rispetto a quelle mediali?

In questo studio su 90 calciatori professionisti sono stati analizzati i tempi di recupero e le conseguenze di 42 meniscectomie laterali e 48 mediali.

I tempi di recupero sono stati di 7 settimane per le laterali e 5 per le mediali.

29 calciatori del gruppo meniscectomia laterale hanno avuto eventi avversi post intervento come gonfiore persistente e dolore all’ emirima articolare.

7 di questi hanno effettuato una nuova artroscopia.

Dell’altro gruppo solo 4 hanno manifestato tali sintomi di cui 2 infiammazioni al corpo di Hoffa e 2 dolore all’emirima articolare mediale.

Le lesioni del menisco esterno sono state prevalentemente di tipo Radiale e Complesse, mentre quelle del menisco interno verticali.

VEDIAMO IL PERCHÉ ?

Anatomicamente il compartimento esterno è più vulnerabile:

Il condilo femorale mediale ha una forma convessa e alloggia perfettamente sull’emipiatto tibiale concavo anche in assenza del menisco mediale.

Il condilo femorale e l’emipiatto tibiale sono entrambi convessi risultando in una minore area di contatto articolare, ne risulta la grande importanza del menisco laterale nell’assorbimento dei carichi.

Il menisco laterale si muove molto di più del menisco mediale. In iperflessione il corno posteriore del menisco esterno si trova all’estremità del piatto tibiale.

L’allineamento in varo, molto frequente nei calciatori, rappresenta una condizione protettiva per le strutture articolari esterne.

Le richieste funzionali in valgo dinamico però possono vanificare questo sistema protettivo mettendo sotto carico il menisco laterale.

Quali sono gli esercizi da scegliere nel trattamento delle meniscectomie laterali / mediali?